Recent Posts

mercoledì 6 giugno 2007

rose da sarajevo

L'impatto del colpo di mortaio sul cemento lascia un'impronta strana, particolare, sembra una composizione floreale.
Di questi segni a Sarajevo ce ne sono parecchi. E magari fossero solo questi i segni lasciati dall'assedio della città iniziato il 5 aprile 1992 (son già passati quindici anni e passa, lo avreste detto?) e durato fino al 29 febbraio 1996 (più di 12.000 i morti e 50.000 i feriti).

Dove uno di questi colpi di mortaio ha ucciso qualcuno, chi è rimasto ha riempito la scheggiatura nel cemento con della vernice rossa.

Sono le rose di Sarajevo, la città ne è piena.
L'occasione per parlarne mi è data da questo post apparso su Wooster Collective un sito di arte, "dedicated to showcasing and celebrating ephemeral art placed on streets in cities around the world" ...

[questa è la replica di un mio post su OT del 30 marzo scorso]

4 commenti:

antonomasia ha detto...

mi sto chiedendo se chi ha perso il proprio caro è una cosa buona vedere ogni giorno la firma della sua morte

403 ha detto...

io non mai stato a sarajevo, ci sono stati dei miei amici, l'impressione che ho avuto dai loro racconti è che la memoria di ciò che è successo lì è così profonda che comunque sarebbe impossibile non ricordare. E poi la dimensione del lutto non è solamente personale, di fatto non c'è famiglia che non abbia degli affetti da piangere.

Credo che non sia possibile, da qui, almeno per me, immaginare davvero che cosa voglia dire essere vissuti, sopravvissuti e vivere a sarajevo.

antonomasia ha detto...

penso che non sia possibile in nessun luogo dove ci sia o ci sia stata la guerra

403 ha detto...

sì, hai ragione... e l'assedio di sarajevo poi non è stata una "semplice" guerra è stato qualcosa di ancora più assurdo...

ShareThis