Recent Posts

lunedì 27 agosto 2012

la pinacoteca di brera

La pinacoteca di brera io non l'avevo mai vista. Lo so, sarebbe meglio non dirla una cosa così. Sarebbe meglio dire: “erano anni che non visitavo la pinacoteca di brera”, ma non sarebbe il vero.
Lo stabile lo conoscevo perché da ragazzo ero stato più volte a consultare libri alla biblioteca nazionale braidense, un paio di volte sono stato pure all'orto botanico retrostante, ma la pinacoteca mai.


Ora dirò un'ovvietà: come per tutti i grandi musei (e per grandi intendo anche estesi) per godersela, brera, bisogna avere il coraggio di tagliar corto, di saltare anche intere sale, se è il caso. Ché tutta quella pittura veneta, lombarda ed emiliana del quattro-cinquecento sì, è bella, ma dopo un po' sortisce soprattutto l'effetto di far stare strette nella testa le immagini dei quadri che davvero vuoi portarti via di lì.
Che poi quei quadri non sono solo i “greatest hits” del museo (così a spanne: il cristo morto del mantegna, la pala montefeltro di piero della francesca, lo sposalizio della vergine di raffaello e il bacio di hayez) certo, sono pure quelli ma, personalmente, mi sono portato via con estrema soddisfazione anche l'enorme predica di san marco ad alessandria d'egitto di gentile e giovanni bellini (una tela di quasi 28 metri quadri, grande come un monolocale, una specie di cinemascope di inizi cinquecento), il trittico di camerino del crivelli (che a me è piaciuto più della più nota madonna della candeletta, sempre sua, esposta nella stessa sala) e pascoli di primavera di segantini (che un bel quadro divisionista fatto bene su di me ha sempre il suo fascino) più un bel po' di altri, ma in un post a modo deve starci poca roba e quindi chiudo qui.

Atto di civiltà il fatto che il biglietto vale tutto il giorno e quindi ci vai di mattina, esci per mangiare un boccone (che brera è una delle poche zone di milano con bar e ristoranti aperti verso ferragosto) e poi rientri a vederti la barcata di sale che ancora ti restano da vedere.

Infine un discorso a parte, per me, va fatto per le tre opere di boccioni presenti nella collezione jesi: rissa in galleria, la città che sale bozzetto per un quadro omonimo che sta al MoMA e l'autoritratto.
Da bambino, io sono cresciuto esplorando la biblioteca paterna e, in particolare, i volumoni della fratelli fabbri dedicati all'arte moderna. Gardavo le figure. Non ho mai letto nulla che non fossero le didascalie, quindi la mia ignoranza né è uscita pressoché intatta, però per anni ho passato lì i miei pomeriggi, dentro l'arte moderna (mica tutti i pomeriggi, uscivo anche per andare ai giardinetti o nei campi di mais verso chiaravalle a guardare i ratti che popolavano le fogne a cielo aperto che l'irrigavano) dicevo, per anni ho passato i miei pomeriggi lì, a guardare quelle figure: boccioni, balla, pollock, duchamp, kline, mondrian, oldenburg, warhol, lichtenstein, mirò, jasper jones, kandinsky, rauschenberg, rothko... non ne so nulla, nulla di nulla, ma quando incappo in uno dei loro quadri, mi sembra di essere tornato a casa.
E a brera, nella sala della collezione jesi, c'è un pezzetto di casa mia.

6 commenti:

Marco Bertoli ha detto...

Bello!

andrea 403 ha detto...

Certo che è bello! Ci sono secoli di arte e cultura appiccicati, a mazzi, alle pareti. E il tutto per soli 6 euros (ormai meno di un cine).

:P

Marco Bertoli ha detto...

Ci andrò anch'io… ma si vede la Gioconda?

Anonimo ha detto...

io ci sono andata una volta sola e mi sono ricordata di cadice.
vi ho detto di cadice.

ci voglio tornare. magari un po' preparata, mi è sembrata un po' caotica e mi sono persa, però poi ho fatto bei sogni.

Marco Bertoli ha detto...

mi è sembrata un po' caotica

Non bisogna avere fretta, il progetto di riorganizzazione detto «la Grande Brera» ha compiuto appena i quaranta quest'anno.

Nel frattempo la raccolta Jesi, tanto giustamente ammirata da 403, ha fatto in tempo a essere donata, lasciata in sospeso, ritirata dagli eredi e infine *ricomprata* a caro prezzo dal Comune…

andrea 403 ha detto...

>Ci andrò anch'io… ma si vede la Gioconda?

non lo so, prova... a brera c'è pure l'osservatorio, vai li, punta l'orizzonte in direzione nor-ovest e quindi aguzza la vista. Magari qualcosa si vede.

>mi è sembrata un po' caotica

va studiato prima un piano di battaglia e si deve capire dove tirar dritto e dove soffermarsi, in questo modo poi ti resta meno disordinata "dentro".

ShareThis