Recent Posts

giovedì 12 aprile 2012

la sala giochi di Caine

Il cortometraggio, di per sé, è carino. Racconta la storia (vera) di Caine, un ragazzino di 9 anni che costruisce, tutto da solo, un'intera sala giochi in cartone (progettandoli pure, i giochi) e se ne sta lì, nella parte anteriore del posto dove suo padre vende ricambi d'auto, in attesa di clienti per la sua sala giochi ma quelli, i clienti, non arrivano. È una strada di un'area industriale di East L.A. dove, di fatto, di passaggio non ce n'è.

Ciò non di meno Caine aspetta fiducioso e continua a creare nuove attrazioni per il suo locale e, dopo lunghi pomeriggi in attesa, un cliente lo trova.
È Nirvan, un uomo passato di lì per rimpiazzare la maniglia di uno sportello della propria auto. Nirvan è asffascinato dall'opera di Caine e Caine gli fa questa proposta commerciale: con un biglietto di un dollaro potrà fare due partite, ma per soli due dollari potrà ottenere un "fun pass" da cinquecento giocate!
Un affarone che Nirvan non si lascia sfuggire.

E l'uomo s'innamora di quella sala giochi in cartone di cui è il primo e forse l'unico cliente e (d'accordo col padre del ragazzo) decide di fare una sorpresa a Caine. Apre una pagina facebook dedicata a quella sala giochi fai da te, con lo scopo di organizzare per Caine una giornata speciale.
Il giorno stabilito il padre si porta via Caine con una scusa, per un po',  e quando rientrano la Caine's Arcade è piena di gente – di clienti! – che sono lì per giocare e per festeggiarlo.


[fonte swiss-miss]

Nirvan è anche un filmaker e ha deciso di fare un piccolo film dedicato a Caine e a questo evento a sorpresa, si tratta del filmato qui sopra.

Il cortometraggio, di per sé, è carino ma io lo posto qui anche per un altro motivo. Perché quella della Caine's Arcade mi sembra una storia esemplare di come internet sia una sorta di lotteria per le storie, e quella del ragazzino di nove anni che progetta e costruisce la sua sala giochi di cartone e, contro ogni logica, si mette ad aspettare che arrivino i clienti, è una storia che ha vinto.

Non solo grazie a internet Caine ha avuto "il più bel giorno nella sua vita" (della sua vita fin qua, ovvio, che lui ha solo nove anni) non solo nel giro di pochi giorni è diventato famoso (mentre scrivevo questo post la pagina facebook della sua sala giochi ha superato i 52.000 fan, e il filmato sta facendo il giro della rete), ma Nirvan ha anche aperto un minisito in cui è possibile donare dei soldi per l'istruzione di Caine, con l'efficace slogan "immaginate cosa potrebbe diventare questo ragazzino con una laurea in ingenieria".
Obiettivo: 100.000 dollari, quando ho visto per la prima volta il sito, ieri sera, ne erano stati raccolti già 92.000. Oggi, mentre scrivo, si sono superati i 117.000. E sapete quando è cominciata la raccolta? Neanche quattro giorni fa.

Internet è una lotteria di storie e quella della sala giochi di Caine, decisamente, ha vinto.

Non a tutte capita.

0 commenti:

ShareThis