Recent Posts

sabato 14 gennaio 2012

una rosa rossa senza spine

A volte, a casa mia, succedono delle cose.
Spesso ne sono responsabile in minima o nessuna parte.

Dopo una prova aperta tenuta in dicembre, domani c'è la prima di questa cosa qui sotto: il Professor B. tiene una lezione da me.



«Rosa Luxemburg è stata assassinata il 15 gennaio 1919 a Berlino, durante i moti che la Lega di Spartaco scatenò nel primo periodo della repubblica di Weimar...»

«Una lezione di oltre quaranta anni fa. Una lezione dimenticata in una cantina del Ministero della Pubblica Istruzione.
Una lezione dedicata agli “spaesati militanti della sinistra”, perché possano rivendicare con orgoglio valori, analisi ed eventi oggi colpevolmente dimenticati e riconoscere il capitalismo quale cangiante forma di dominio, la rappresentazione del Professor B. restituisce drammaticità e grandezza ai protagonisti ed agli eventi di quei tempi».


«Nella seconda settimana di gennaio, nei Paesi del blocco sovietico, si commemorava l'anniversario della morte di Rosa Luxemburg. Era una ricorrenza comandata. Il muro è caduto, e un mondo è letteralmente scomparso. Ma migliaia di donne e di uomini continuano quella tradizione. Anno dopo anno il loro numero aumenta».


«Brani letti e recitati, immagini e canzoni contribuiscono ad alzare la lezione al livello di una compiuta narrazione fatta con quei buoni sentimenti che Albert Camus ha definito "né ostentatamente malvagi né entusiasmanti alla sfacciata maniera di uno spettacolo”.

Minimo e incerto teatro del dopo lavoro, dell'assenza del lavoro, della malattia e della guarigione. Teatro povero nell’angolo di casa, sottratto alla solitudine dei grandi eventi, che non si misura sui talenti degli interpreti».

7 commenti:

Marco Bertoli ha detto...

non si vedono le foto!

Marte ha detto...

Le immagini no, non si vedono. Ma quel che è stato scritto lascia immaginare. Forse ogni tanto, chiudere gli occhi va vedere meglio.

andrea 403 ha detto...

Con più che sto su blogspot, con più che mi convinco che splinder non era tecnicamente poi così male :(

Rimesse tutte le immagini che picasa/blogspot aveva incomprensibilmente cancellato.

Grazie marco, grazie marte.

Luigi ha detto...

Ne succedono di cose a casa tua! :)

Sembra davvero un bell'evento.
Da me al massimo si fa una spaghettata.

Luigi

andrea 403 ha detto...

@luigi, sono i vantaggi di avere una casa grande, è per questo che a casa mia succedono cose: io sono anche ospitale, ma lei è grande.

(lo svantaggio è che, a volte, si fatica un po'... per esempio ora devo andare a sistemare la cucina che domani ritorna la maldestra fatina che pulisce e quindi la casa, entro stanotte, deve tornare sistemata)

Luigi ha detto...

Ma se domani (3 giorni fa) arriva la maldestra fatina che pulisce, perchè dovresti pulire tu? :P

andrea 403 ha detto...

io sono molto disordinato quindi, se io non riordino, la fatina non può pulire.

la fatina è maldestra ma è anche creativa quindi, se io non riordino, lo fa lei... con risultati bizzarri(e, a volte, dannosi).

ShareThis