Recent Posts

lunedì 6 agosto 2012

immagini che mi riempiono gli occhi questi giorni

Sto ancora lavorando. Sto ancora lavorando parecchio, che ho una sceneggiatura da finire di rivedere (con disegnatori fermi che aspettano) e una da finire di scrivere (che così la metto a riposare per rileggermela dopo una decina di giorni, per una volta che c'è il tempo di farlo).

Quindi, d'altro scrivo poco (anche qui), giro poco il web, leggo poco. Guardo giusto qualche figura. E così metto qui in fila qualche figura di quelle che mi riempiono gli occhi in questi giorni.

I fratelli Hernandez nel 1982 [fonte]
A settembre Love & Rockets compie 30 anni, qualcuno si sta portando avanti.
Io non è che oggi ce la faccio a dirvi quanto è stato bello e importante Love & Rockets e quanto ancora apprezzi il lavoro di Beto e Jaime, però vederli così, nel 1982, mi ha intenerito (vogliamo parlare del taglio di Jaime e della tinta di Beto? No, non vogliamo parlarne).

Nico e Andy Warhol nei panni di Batman e Robin [fonte]
Su questa non è che ho da dire qualcosa, mi mette allegria, punto.

Sulle prossime quattro invece un paio di cose si possono dire. In questo momento è in corso a Kassel Documenta 13 tredicesima edizione di una delle più importanti manifestazioni di arte contemporanea, una specie di biennale che però si tiene ogni cinque anni, ché si vede che ai tedeschi le cose piace organizzarle bene. Alcuni blog che seguo ne hanno parlato, hanno mostrato immagini. Il post che mi ha più impressionato è forse questo pubblicato martedì scorso da socks-studio che racconta del lavoro di Mariam  Ghani “A Brief History of Collapses” un lavoro in video che mette a confronto due imponenti edifici devastati dalla guerra: il Fridericianum di Kassel, uno dei più vecchi musei d'Europa, visto nel 1943 e il palazzo Darul Aman di Kabul, visto nel 2010 (ma da allora non è cambiato).


E infine qualcosa di più allegro. 
Avete presente Holi
La festa indù dei colori?
Dai, ogni tanto nell'internet se ne vedono foto e filmati, hai capito quale?

Vabbe', qualcuno ha pensato d'importarla anche nello Utah... lo Utah?! Ma quelli non erano mormoni? Cosa c'entrano cogli indù?

Guardo sulla wiki: «Quasi il 60% della popolazione appartiene alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Il restante 40% è così suddiviso: protestanti 15% (episcopali 3%, battisti 2%, altri 10%), cattolici 6%, altre religioni 1%, atei e agnostici 18%» insomma gli indù sono presenti come lo stronzio in certe acque minerali: "tracce". 
Ma nello Utah la festa dei colori piace uguale, d'altronde è straordinariamente fotogenica, non c'è che dire (qui via Ektopia). 


Ah, poi, che mi ossessiona in questi giorni, ci sarebbe anche la fotografia di un opossum morto e vestito da sposa, tenuto in braccio da una bimba tutta sorridente e orgogliosa, ma di quella foto magari ne riparlo in un altro post...

3 commenti:

milo temesvar ha detto...

mmh tutto interessante però
non è che mi invoglia tanto l'ultima cosa, magari prima di parlarne avverti...

andrea 403 ha detto...

Guarda, il titolo del post sarà o "gotico neozelandese" oppure "opossum morti e vestiti da sposa" se mai vedrai qui quel titolo sappi che il post è quello e tu regolati di conseguenza.

milo temesvar ha detto...

grazie, sapevo di poterci contare

ShareThis