Recent Posts

giovedì 1 dicembre 2011

buona fine e buon principio

Da oggi non posto più su splinder.
Tra due mesi tondi splinder non sarà più.

L'archivio di 403 è ancora , ma per poco, aspetto di capire in che modo è meglio spostare qui i vecchi post, che tutti i metodi provati fin qui si sono persi dei pezzi per strada.
Di Splinder di certo non mi mancherà l'abbandono tecnico a cui ormai ci eravamo abituati, quasi tutto il resto però mi mancherà, ché io ai posti mi affeziono e cinque anni è tanta roba.

A Splinder va dato il merito, tra l'altro, di aver messo a disposizione degli utenti efficaci strumenti che invogliavano a scoprire altri blog della piattaforma. È anche grazie a questi strumenti che molti di noi blogger di splinder avvertivano un senso di comunità. Un'appartenenza che, altrove, non mi pare ci sia.
Certo una comunità senza selezione alla porta, un club che accettava proprio tutti, ma anche per questo un posto vario, divertente e, a volte, molto interessante. Andando a spasso tra i blog appena aggiornati o tra gli utenti in quel momento online, poteva capitarti di ogni, tutti i gusti più uno. E in mezzo ci potevi trovare anche delle pepite d'oro: da Spari d'inchiostro a Friday Prejudice, da Inkiostro a Viadellaviola.

Poi, su splinder, è capitato anche di trovare persone e non solo blog, persone con cui si è pure diventati amici: per prime verypervinca e bianca c poi ehvvivi, e shapa... (ehm, noto che sono tutte femmine, evidentemente lego più con le "donnette" che coi "ragazzini", cit.).

PRIMA DELLA FINE – In questi ultimi giorni gli utenti online sono saliti fino a 9.000 per poi ripiombare – da un momento all'altro – sotto i trecento, mah... Comunque  prima dell'annuncio del disastro, non era raro incontrarne solo 55. A ben vedere già quello era il disastro.

Insomma, può essere che – prima o poi – da quella piattaforma me ne sarei comunque andato, vessato dalle frequenti defaillance del servizio, ma chissà quando sarebbe successo, ché io sono pigro e poi, l'ho detto, m'affeziono.

Il trasloco lo ha deciso Dada per me e così, un mese prima dell'anno nuovo, si comincia una vita nuova. Da oggi mi trasferisco qui. Un posto che mi pare comodo e che non sento mio. Sicuramente pubblicare qui non sarà peggio che pubblicare là, ma di certo mi mancherà il dare un'occhiata agli ultimi Blog aggiornati e, soprattutto, agli Utenti online. Che ci sono avatar di cui, negli anni, non ho letto una sola riga ma che ormai per me erano di famiglia, più di un vicino di casa.
 
Ah, c'è stato anche un breve periodo in cui, quando negli Utenti online trovavo due avatar – uno accanto all'altro – che si somigliavano, gli facevo un'istantanea.

Tre incontri fortunati.

13 commenti:

Michele ha detto...

Normalmente i traslochi si fanno da soli. Smeriglia, ad esempio, traslocò un sacco di tempo fa, e come lui moltissimi, stufi di Splinder.
Io, per le ragioni che hai elencato, a Splinder volevo bene. Ho conosciuto un sacco di persone, alcune delle quali sono poi diventate realmente importanti. Ho conosciuto una tipa, Bagheera, e poi il suo ragazzo, Circo Stanziale, e ho saputo che aspettavano un figliolo per sbaglio e adesso che lei l'ha scodellato io mi ci sono commosso come se si trattasse di mia zia.
C'ho persino rimorchiato su Splinder. Vallo a fare su Blogspot, se ci riesci.
Anche 'sta storia dei blog da seguire su Blogspot non funziona mica bene, che al confronto i preferiti di Splinder erano manna dal cielo.

Normalmente i traslochi si fanno da soli, dicevo. Ora invece è come un quartiere a cui danno lo sfratto. Ti aggiri per le palazzine vuote, vedi gente ancora con gli scatoloni. "Dove andrai?" "Non lo so. Per ora da mia madre, poi chissà". Puoi anche provare a dire "restiamo in contatto", ma qualcuno ti sfuggirà, lo sai. E peggio del peggio, rimarrò sempre a pensare che, se fosse rimasto Splinder, forse avrei conosciuto qualche altra persona interessante. Tipo te. Io i Post Secret non li guardo mai. Aspetto che tu li selezioni per noi. Per me.

Chiude Splinder e -la faccio grossa- finisce un pezzo di storia. Un pezzo di blogosfera, un pezzo della mia storia. In sei anni fai in tempo a passare da vergine a TizioCheRimorchiaSuSplinder, da liceale a universitario, da musicista a ex musicista.

Scusa, l'ho fatta troppo lunga, ora copioincollo e ci scrivo un post. Ciao, quattrocentotré, accesso negato. Ci leggiamo qui.

Michele, Musik o comunque ci si chiamerà.

Shapa ha detto...

L'importante è che posti.

andrea 403 ha detto...

@shapa – eh, gran bei posti!

@michele - sì, è come quando per via della costruzione di una diga tutti gli abitanti della vallata devano andare altrove, ché lì 31 gennaio finirà tutto sott'acqua. Poi qualcuno rifa il paesello su iobloggo, altri si trasferiscono in città...

(per i postsecret aspettiamo domenica, quella della scorsa mi dicevano poco)

Jazz nel pomeriggio ha detto...

ho saputo che aspettavano un figliolo per sbaglio

che sventati

In sei anni fai in tempo a passare da vergine a TizioCheRimorchiaSuSplinder

ahaha, ora capisco, temi di tornare a bocca asciutta? non avere paura.

milo temesvar ha detto...

beh, che dire, benvenuto da queste parti, suppongo che il passaggio da splinder a blogger sia un pò come lasciare il pizzicagnolo all'angolo e andare a far la spesa da carrefour

vvv ha detto...

e quindi mi hai incontrata per caso :) sarà stato il mio avatar scostumato... io pure non mi sento a casa nel blog nuovo, mi abituerò...
tu fai sempre un sacco di considerazioni, non avevo mai pensato al fatto della comunità di splinder, hai ragione tu. in altri posti non si sente. sei il mio opinionista di riferimento!

viadellaviola ha detto...

sono io quella di sopra, viadellaviola :)

Anonimo ha detto...

eh... ci sono anch'io...
e insomma diabolik fa 50 anni, non lo sapevo, ... e si mormora, si dice, pare forse che ... insomma forse fanno una mostra al castello Cicconi ad aprile maggio... e io ci sto lavorando ( anche se essendo con i lavori in alto mare la vedo dura per aprile maggio )e, per farla corta, tu non sai mica niente eh... tanto per capire se devo darmi una mossa o se si tratta solo del solito fuoco di paglia... :)

nebbia

andrea 403 ha detto...

non solo dibabolik fa cinquantanni (il prossimo anno) ma anche il matrimonio dei miei fa cinquantanni (ieri) per cui in questo momento sono lontano da milano, dalla redazione e anche dai blog (questo detto così, in senso ideale)...

quindi sono un po' lesto: grazie milo! grazie nebbia! (su 'sta cosa di Cicconi chiedo in redazione, che quando ne hanno parlato non ero attento), grazie Viola! (a proposito del tuo avatar, ma a quello su splinder che gli successe? per me è stato uno dei primi segni della fine del mondo! del mondo di splinder, intendo)

Young Dinosaur ha detto...

ei, ci sono anch'io tra le coppie di avatar. io non so ancora se trasloco, ma forse no, così i post sono come lacrime nella pioggia e i bastioni di orione e compagnia cantante.

andrea 403 ha detto...

Ciao giovane dinosauro!

così i post sono come lacrime nella pioggia e i bastioni di orione e compagnia cantante.

Mantellini qui: http://www.ilpost.it/massimomantellini/2011/11/30/splinder-e-la-biblioteca-senza-polvere/ sostiene che i blog sono anche un po' proprietà di chi li ha letti e tra le righe si avverte un rammarico nei confronti di decide di non salvare il proprio blog. Io non so se la penso proprio così, io però - da lettore - qualche blog che ho letto e di cui, soprattutto, vorrei - con calma - finire di leggere il passato, me lo sono salvato da me (con pazienza e senza i commenti).

ehvvivi ha detto...

io non sono ancora riuscita a mettere naso fuori da splinder.
e poi è brutto avere tutti i preferiti sparpagliati in ogni dove.
e mi va di lamentarmi, ecco.

andrea 403 ha detto...

e poi è brutto avere tutti i preferiti sparpagliati in ogni dove.

La risposta è una sola: feed!
Con i feed puoi rimettere tutti i preferiti nello stesso posto (uno dei tanti feed reader, un browser con feed reader integrato, friend feed usando generosamente la funzione "amico immaginario"... hai solo l'imbarazzo della scelta).

ShareThis